Gianni Lettieri

la storia professionale

“Imprenditore e dirigente d’azienda, Gianni Lettieri è oggi alla guida di Meridie S.p.A. (che ha contribuito a fondare nel 2007) in qualità di Presidente e Amministratore Delegato: si tratta della prima investment company del Sud Italia quotata sul segmento Miv di Borsa Italiana fino al 2017.

Dopo essersi diplomato, si iscrive alla facoltà di Economia Aziendale e in parallelo lavora per un’azienda di La Spezia come commerciale. Nel 1979 la svolta: Gianni Lettieri, insieme a un imprenditore lombardo, realizza uno stabilimento produttivo per la lavorazione di tessuti, tintoria e finissaggio, attivo a Casandrino (NA) e Monza (MI). L’avventura nel settore tessile è di grande successo: nel 1989 infatti arriva a fondare la prima società europea specializzata nella produzione di tessuto denim-ring, che gli permetterà di esportare il suo prodotto anche negli USA. Grazie alla sua attività si aggiudica la copertina di una rivista internazionale che titola “Giovanni Lettieri selling Denim to Americans”.

Gianni Lettieri

Nel 1995, dopo aver vinto un’asta pubblica per la privatizzazione delle Manifatture Cotoniere Meridionali, avvia una joint venture con il gruppo indiano Raymond e costituisce la Raymond Calitri India, la prima nel Paese per la produzione di tessuto denim.

Dal 1992 al 1997 è membro del Consiglio di Amministrazione di EDIME, mentre dal 2000 è Presidente dell’Unione degli Industriali della Provincia di Avellino. Ricoprirà lo stesso incarico dal 2004 per l’Unione Industriali di Napoli, l’unico per 6 anni consecutivi.

Membro del Comitato Centrale Mezzogiorno di Confindustria Nazionale, entra a far parte del Comitato Consultivo del Fondo di Promozione del Capitale di Rischio per il Mezzogiorno NHS Mezzogiorno SGR APA, oltre a essere membro di Giunta di Confindustria nazionale e del Direttivo.

Promuove negli anni, in ambito istituzionale, diverse iniziative per la gestione delle aziende sequestrate alla camorra, nonché il premio Piccoli imprenditori per i ragazzi delle scuole secondarie.

Nel 2006 ha inizio per Gianni Lettieri una nuova avventura imprenditoriale nel settore delle rinnovabili: fonda la Compagnia per lo sviluppo di energia Rinnovabile CO.S.ER. S.r.l.

L’anno successivo entra anche nel settore finanziario attraverso la holding di famiglia, con l’avvio di Meridie S.p.A.; in seguito costituisce MEDSOLAR S.p.A., startup del comparto “Energie Rinnovabili”. Acquisisce, inoltre, Atitech S.p.A., di cui è Presidente dal 2009. Nel 2015 avviene l’acquisizione dello stabilimento di Capodichino, che la rende in pochi anni la società indipendente di manutenzione aeromobili più grande d’Europa con 20 linee attive (20 aerei in lavorazione) e 15 nelle aree di stoccaggio.

Dal 2008 al 2010 Gianni Lettieri è Consigliere di Amministrazione per Il Sole24Ore S.p.A., mentre dal 2018 al 2019 è Vice Presidente di BusinessMed, l’Associazione delle Confindustrie del Mediterraneo.

Tra i molteplici riconoscimenti ricevuti durante la sua carriera, è stato insignito della laurea honoris causa in Giurisprudenza (specializzazione in “amministrazione e legislazione di impresa”) dall’Università degli studi di Napoli Parthenope. Ha ricevuto il Premio Mediterraneo Economia e Impresa dalla Fondazione Mediterraneo per aver contribuito ad accrescere le ricchezze e l’occupazione nel Mezzogiorno, accogliendo la sfida dei nuovi mercati internazionali. Si è aggiudicato, inoltre, il premio Guido Dorso XXIX Edizione (insignito al Senato dal Presidente della Repubblica nel 2008) per la tenacia dimostrata nelle azioni tese a rimuovere gli ostacoli allo sviluppo del Meridione, il Premio Cuore d’Oro (2010-2011) e il Premio Masaniello (2009). Appassionato di sport, nel tempo libero pratica jogging: ha partecipato alla Maratona di New York con un tempo di chiusura di 3h e 21m. Oltre a dedicarsi alla famiglia, si interessa alla lettura, alla musica e alla sartoria napoletana. Gianni Lettieri ha pubblicato “L’imprenditore Scugnizzo. La mia Napoli, le mie sfide”, nel quale racconta la sua vita e i suoi successi professionali, con l’intento di ispirare e incoraggiare i giovani imprenditori”.